946 - le tableau vivant

Data: 9 Luglio 2014 Categoria:

storia di vita e di morte di un uomo comune

 

 

 

 

Sono nato a Mantova un giorno di settembre. Gli alberi stavano perdendo le foglie. Mi hanno insegnato che Dio è Amore ma le stagioni passano e la fede si smarrisce.

Il prete mi ha unto il capo e mi ha rivestito con un’armatura d’argento sbalzato ma se mi guardo attento cavalco ancora una sagoma di legno.

 

I giorni mi sono venuti incontro come un esercito di ferro. I ranghi serrati, le visiere abbassate.

 

Ho chiesto aiuto ma alla fine ho pianto da solo il dolore della battaglia. Adesso mangio la terra che sa di bagnato cercando l’uomo che non l’ha mai calpestata.

Tic tac fa la vita, tic tac, e poi si ferma.”

 

 

 

capitolo 1 – La nascita

 

il racconto comincia così, con tutti gli
elementi principali che sostengono la
narrazione. il silenzio della maschera
che attende gli eventi, la luna che
inizia il suo percorso calante e la
sfera di cristallo che racchiude e difende
la natività

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

capitolo 2 – L’adolescenza

 

il primo periodo di vita, l’uomo lo trascorre
raccogliendo tutto ciò che ritiene
utile alla manifattura di una corazza
spesse volte impermeabile alle
sue stesse certezze. irradiato da una
luce tersa, rivestito da una fede incrollabile
sente di essere accompagnato
all’inizio di un percorso che non conosce,
ma in cui ha fiducia

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

capitolo 3 – L’illusione della vita

 

inizia il gioco. sfidando la realtà da
un cavallo inanimato, con armi inadeguate,
dondola incerto avanti e indietro,
trainando il bagaglio delle sue
esperienze. molto sa, poco conosce

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

 

capitolo 4 – Il viaggio

 

il carico è nella stiva. i venti si
alzano, le acque si increspano, le
nuvole cominciano ad addensarsi. nessun
ammiraglio sul ponte. nessuna vedetta
sull’albero maestro. nessuna bussola,
nessuna polena, solo una lanterna che
rischiara le onde cercando
un’improbabile rotta

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

 

capitolo 5 – Lo sbarco

 

poi è la volta della Terra dove la forza
è nel metallo sbalzato dell’armatura,
nelle mongolfiere che oscurano la luna
in viaggio, nelle parole che sbaragliano
gli eserciti. davanti al fumo della
sua locomotiva, l’uomo corre leggero,
quasi senza peso verso la vita

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

capitolo 6 – Il grande mistero

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

capitolo 7 – La disillusione

 

la lancia è di legno duro con un rostro
in punta. lo schianto è tremendo, l’uomo
si piega e la corazza vacilla. le certezze
volteggiano mentre si perdono nel
buio della notte. la fede si smarrisce.
la vita, quando passa attraverso,
chiede… e quando è stanca, chiede
ancora…

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

capitolo 8 – Lo scontro

 

…e si prende dei trofei da esibire
sulla punta delle spade. sono cavalieri
che la luna si ritira, che gli zoccoli
dei cavalli scavano nervosi la terra e
che gli angeli si scostano un poco al
loro passaggio

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

capitolo 9 – La sconfitta

 

l’uomo è ormai a terra esausto. è passato
per armi così affilate che lo hanno
spogliato di tutti i suoi stratagemmi
gettandolo ai piedi della sofferenza
che non ha tempo. la maschera che ha
atteso paziente gli eventi, adesso si
rivela…

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

capitolo 10 – La resa dei conti

 

…e porta a compimento la storia. sulle
soglie di un mondo senza più vita e
senza più speranza, dove non c’è più
erba sotto i piedi, ma ciotoli dolorosi,
l’uomo si rende conto di aver combattuto
fin dall’inizio, inutilmente, contro se
stesso. cede l’ultimo respiro e chinando
il capo, muore

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap

 

capitolo 11 – L’epilogo

 

il racconto si conclude così. con alcuni
esseri umani che se ne vanno distrutti
sopra uno scomodo carretto e altri che
cominciano daccapo. sicché non esiste
mai un reale inizio e tanto meno una
vera fine.

 

 

anno 2011

stampa su carta baritata

dimensione 100×45 cm – edizione di 3 + 2 ap